Ultime News
  • Per gli Under 18 stop a Bernareggio

  • Under 18 ancora fantastica: battuta Cremona 73-63

  • Riccardo Paolini, classe 1959, lo scorso anno a Ferentino, è il nuovo allenatore di Cagliari.

  • La Soundreef Siena ha ingaggiato Marko Simonovic, centro montenegrino classe 1999 dalla PMS Moncalieri (Serie B).

  • Simone Ferrarese, playmaker classe 1987 ex Tezenis, ha rinnovato con l’Urania Milano anche per la prossima stagione.

  • Attilio Pierini, 36enne ala-centro, ha rinnovato con Recanati per la quindicesima stagione consecutiva.

  • Dorde Malbasa, 22enne ala croata di formazione italiana, approda a Piombino dopo cinque stagioni a Treviso.

  • Michele Antelli, argento mondiale Under 19, approda a Orzinuovi dopo un anno a San Vendemiano.

  • FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 3 – Lunedì 19 giugno Alma Trieste – Virtus Segafredo Bologna 66-72 (Virtus Bologna vince la serie 0-3) Virtus Segafredo Bologna promossa in Serie A Novipiù Mvp delle finali: Michael Umeh (Virtus Segafredo Bologna).

  • FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 2 – Giovedì 15 giugno Virtus Segafredo Bologna – Alma Trieste 82-69 (Serie: 2-0 Virtus Bologna).

  • Nella prima gara della finale di Serie A2, la Virtus Bologna si è imposta martedì sera al Pala Dozza 85-62, trascinata dai 28 punti di Michael Umeh (7/12 da tre). È bastato un tempo alla squadra di Ramagli per mettere al sicuro il risultato dopo un secondo quarto da 25-14. Chiudono in doppia cifra anche Lawson (18) e Ndoja (14). Primo punto alla Virtus. Giovedì gara-2, sempre a Bologna.

  • I Golden State Warriors hanno vinto il titolo Nba, il secondo in tre anni dopo quello del 2015, battendo i Cleveland Cavaliers in casa per 129-120 in gara-5 della finale, chiudendo la serie sul 4-1. Decisivo Kevin Durant, che ha così coronato la sua prima stagione ai Warriors. L’ex Oklahoma Thunder ha messo a segno 39 punti nel match decisivo, con i Cavaliers di Lebron James che hanno ribattuto colpo su colpo fino alla fine. Curry ha aggiunto 34 punti, 10 assist e sei rimbalzi per chiudere la serie sul 4-1, impedendo a Cleveland quel miracolo della finale dello scorso anno, quanto risali’ dall’1-3 fino alla vittoria finale della serie e del titolo. Lebron James, che nel 2012 con Miami batte’ i Thunder nella sola altra finale di Durant, è stato protagonista fino all’ultimo atto, chiudendo con 41 punti, 13 rimbalzi e otto assist. Per i Cavaliers anche 26 punti di Kyrie Irving.

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 5 – Giovedì 8 giugno Alma Trieste-Kontatto Bologna 80-60 (Trieste vince la serie 3-2) Virtus Segafredo Bologna già qualificata per la finale (3-0 su OraSì Ravenna).

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 3 – Sabato 3 giugno Kontatto Bologna-Alma Trieste 76-60 (Serie: 1-2 Trieste) Gara 4: Lun 05/06/2017 20:00 Kontatto Bologna-Alma Trieste (diretta su Sky Sport 2 HD).

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 1 – Lunedì 29 maggio Alma Trieste-Kontatto Bologna 85-75 (Serie: 1-0 Trieste) Gara 2: Mer 31/05/2017 20:00 Alma Trieste-Kontatto Bologna.

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 1 – Domenica 28 maggio Virtus Segafredo Bologna-OraSì Ravenna 73-57 (Serie: 1-0 Virtus Bologna) Gara 2: Mar 30/05/2017 20:30 Virtus Segafredo Bologna-OraSì Ravenna.

  • Lega Nazionale Pallacanestro comunica che, in occasione della serie di Finale Playoff del campionato di Serie A2 Citroën, sarà utilizzata la tecnologia dell’Instant Replay. L’ufficializzazione arriva al termine di un percorso di analisi e valutazione svolto nei mesi scorsi e che ha portato al tavolo tutte le componenti coinvolte: la Federazione Italiana Pallacanestro, il CIA (Comitato Italiano Arbitri), Sky (official broadcaster) e Grafica&Multimedia (software). Ottenendone la massima, nonché necessaria, disponibilità a sviluppare il progetto già per la stagione in corso. La progettualità è divenuta operativa al termine dell’incontro svoltosi nella sede LNP in Bologna, alla presenza di Stefano Tedeschi (commissario CIA), Roberto Chiari (istruttore FIBA e componente l’Organo tecnico di Serie A2), Pietro Basciano (presidente LNP), Massimo Faraoni (segretario generale LNP) e Luca De Finis (Grafica&Multimedia). FIP e CIA hanno valutato positivamente l’iniziativa di LNP, dando la disponibilità all’introduzione ed utilizzo della tecnologia in deroga al Regolamento Gare esistente. La collaborazione ottenuta da Sky, sia sul piano della consulenza che quello della produzione tecnica, consentirà di poter utilizzare per l’IR le immagini provenienti da 4 telecamere. Il format uniforme di ripresa in tutte le gare che eleggeranno la squadra vincitrice del campionato di Serie A2 Citroën è requisito necessario per l’attivazione dell’Instant Replay.

  • QUARTI DI FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 4 – Domenica 21 maggio Visitroseto.it Roseto-Virtus Segafredo Bologna 83-97 (Virtus Bologna vince la serie 1-3).

  • QUARTI DI FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 2 – Mercoledì 17 maggio De’ Longhi Treviso-Kontatto Bologna 70-73 (Serie: 0-2 Fortitudo Bologna) Gara 3: Sab 20/05/2017 19:00 Kontatto Bologna-De’ Longhi Treviso Orsi Tortona-Alma Trieste 75-68 (Serie: 1-1) Gara 3: Sab 20/05/2017 20:30 Alma Trieste-Orsi Tortona.

  • OTTAVI DI FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 4 – Lunedì 8 maggio Kontatto Bologna-Moncada Agrigento 80-58 (Fortitudo Bologna vince la serie 3-1) Dinamica Generale Mantova-Orsi Tortona 78-70 (Serie: 2-2) Gara 5: Gio 11/05/2017 21:00 Orsi Tortona-Dinamica Generale Mantova Remer Treviglio-Alma Trieste 78-77 (Serie: 2-2) Gara 5: Gio 11/05/2017 20:30 Alma Trieste-Remer Treviglio.

Rassegna stampa: L’Arena 30 aprile 2015

RAMAGLI NAPOLI PALAOLIMPIA

Carica Ramagli: «Tezenis, ci sei. Ecco la strada»

L’anno buono, la squadra giusta, l’allenatore perfetto. Alessandro Ramagli è già riuscito nell’impresa di conquistare il passaggio dalla LegaDue alla A quando era capo tecnico di Pesaro.
Storia di otto anni fa. Il tecnico livornese arrivò in corsa a sostituire Marco Calvani e portò la squadra alla conquista del quinto posto al termine della stagione regolare. Piazzamento utile per coltivare il sogno e tenere viva la speranza. Nell’ultima giornata di questo campionato a Torino, proprio Ramagli aveva ripescato la ‘parabola’ di Pesaro.
Un racconto tra il mistico e lo spirituale che per il tecnico rappresenta utile cartina da utilizzare nella ricerca del suo nuovo Eldorado.
FRUTTI MATURI. La Verona di Ramagli sembra essere finalmente matura e pronta per il grande salto. E non si tratta solo di guardare la classifica. La Tezenis ha dominato in lungo e in largo il campionato forte anche di scelte di mercato azzeccate e della spinta di una società diventata ormai ‘maggiorenne’ sul campo. Adulta quanto basta per essere consapevole, decisa, coerente, smaliziata e pronta per riconsegnare a Verona la serie A che manca da ormai troppo tempo in città. Il gruppo è maturo, la squadra è matura. E partire dal primo posto nella griglia playoff non rappresenta di certo un handicap legato ad eventuali ansie da prestazioni o pressioni generate da troppe aspettative. Anche Ramagli, in questo triennio, ha avuto modo di consegnare tutto se stesso a Verona. La squadra è immagine dell’allenatore. Non piglia botte, difende bene, riparte elegante, sferra colpi mortali e mette al tappeto chiunque.
LA PARABOLA. Non esistono analogie tra la sua Pesaro e la Verona di adesso. Ramagli, però, ha conservato lo spirito del monaco tibetano. Ore e ore di meditazione aiutano a sprigionare suoni impercettibili ma potenti. Con la sua squadra marchigiana fu autentico capolavoro. Con la Tezenis è stata marcia trionfale fin qui. Cambiano i nomi, pure i tempi, di sicuro le società e anche il modo di fare pallacanestro. Ma il racconto di quella favolosa impresa sportiva fa pensare che oggi più che mai Ramagli rappresenta il valore aggiunto. Non poteva esserlo il primo anno, con una squadra troppo acerba. La passata stagione la Scaligera arrivò sfiancata alla semifinale contro Capo d’Orlando. Quasi pronta al grande salto. Ma non ancora grande squadra. Ora c’è tutto. Ed è giusto che il racconto di Ramagli trovi spazio nei pensieri di tutti quelli che stanno aspettando l’inizio dei playoff. Verona entrerà in scena sabato prossimo alle 20,30 al PalaOlimpia per gara-1 dei quarti di finale.
L’IMPRESA. “Chiudemmo quinti quell’anno” racconta così Ramagli la fine del campionato di Legadue 2006-2007 alla guida di Pesaro. “Non sapevamo più vincere. Dovevamo ritrovare il piacere di giocare il nostro basket e di lasciarci andare liberi sul campo”. Pesaro nelle ultime sei gare della stagione incassa quattro sconfitte e parte in griglia dal quinto posto. Qui il racconto di Ramagli si fa blues: “Cercavamo la scintilla, sapevamo che non c’era niente da perdere. Dovevamo però ritrovare il nostro modo di fare basket. Perdere non aiuta. Ma se alleni la mente a vincere, tutto può essere più facile. Ci confrontammo a lungo e capimmo che eravamo squadra, che potevamo tornare ad essere squadra”. Pesaro si trasforma e mette le ali. “Nei quarti affrontiamo Ferrara che si era classificata sesta appena dietro di noi e chiudiamo la serie 3-0”. Il capolavoro arriva subito dopo. Per Ramagli e Pesaro c’è il derby contro Rimini, grande favorita della serie finale e seconda in classifica al termine della regular season. “Ma il nostro treno” continua il coach di Verona “era ormai partito, in movimento. Ci sentivamo inarrestabili, più forti che mai, sicuri di noi stessi. Vincemmo anche lì 3-0, senza lasciare nulla ai nostri avversari. E la storia si è ripetuta in finale quando superammo Pavia 3-1. Questo per dire: puoi essere squadra dopo due allenamenti, e puoi non diventarlo mai, neanche dopo un anno passato insieme. Tezenis è squadra. Lo ha dimostrato fino all’ultima gara di Torino. Adesso deve prendersi quello che desidera da tanto tempo”.

Simone Antolini

About The Author

Related posts