Ultime News
  • Per gli Under 18 stop a Bernareggio

  • Under 18 ancora fantastica: battuta Cremona 73-63

  • Riccardo Paolini, classe 1959, lo scorso anno a Ferentino, è il nuovo allenatore di Cagliari.

  • La Soundreef Siena ha ingaggiato Marko Simonovic, centro montenegrino classe 1999 dalla PMS Moncalieri (Serie B).

  • Simone Ferrarese, playmaker classe 1987 ex Tezenis, ha rinnovato con l’Urania Milano anche per la prossima stagione.

  • Attilio Pierini, 36enne ala-centro, ha rinnovato con Recanati per la quindicesima stagione consecutiva.

  • Dorde Malbasa, 22enne ala croata di formazione italiana, approda a Piombino dopo cinque stagioni a Treviso.

  • Michele Antelli, argento mondiale Under 19, approda a Orzinuovi dopo un anno a San Vendemiano.

  • FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 3 – Lunedì 19 giugno Alma Trieste – Virtus Segafredo Bologna 66-72 (Virtus Bologna vince la serie 0-3) Virtus Segafredo Bologna promossa in Serie A Novipiù Mvp delle finali: Michael Umeh (Virtus Segafredo Bologna).

  • FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 2 – Giovedì 15 giugno Virtus Segafredo Bologna – Alma Trieste 82-69 (Serie: 2-0 Virtus Bologna).

  • Nella prima gara della finale di Serie A2, la Virtus Bologna si è imposta martedì sera al Pala Dozza 85-62, trascinata dai 28 punti di Michael Umeh (7/12 da tre). È bastato un tempo alla squadra di Ramagli per mettere al sicuro il risultato dopo un secondo quarto da 25-14. Chiudono in doppia cifra anche Lawson (18) e Ndoja (14). Primo punto alla Virtus. Giovedì gara-2, sempre a Bologna.

  • I Golden State Warriors hanno vinto il titolo Nba, il secondo in tre anni dopo quello del 2015, battendo i Cleveland Cavaliers in casa per 129-120 in gara-5 della finale, chiudendo la serie sul 4-1. Decisivo Kevin Durant, che ha così coronato la sua prima stagione ai Warriors. L’ex Oklahoma Thunder ha messo a segno 39 punti nel match decisivo, con i Cavaliers di Lebron James che hanno ribattuto colpo su colpo fino alla fine. Curry ha aggiunto 34 punti, 10 assist e sei rimbalzi per chiudere la serie sul 4-1, impedendo a Cleveland quel miracolo della finale dello scorso anno, quanto risali’ dall’1-3 fino alla vittoria finale della serie e del titolo. Lebron James, che nel 2012 con Miami batte’ i Thunder nella sola altra finale di Durant, è stato protagonista fino all’ultimo atto, chiudendo con 41 punti, 13 rimbalzi e otto assist. Per i Cavaliers anche 26 punti di Kyrie Irving.

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 5 – Giovedì 8 giugno Alma Trieste-Kontatto Bologna 80-60 (Trieste vince la serie 3-2) Virtus Segafredo Bologna già qualificata per la finale (3-0 su OraSì Ravenna).

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 3 – Sabato 3 giugno Kontatto Bologna-Alma Trieste 76-60 (Serie: 1-2 Trieste) Gara 4: Lun 05/06/2017 20:00 Kontatto Bologna-Alma Trieste (diretta su Sky Sport 2 HD).

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 1 – Lunedì 29 maggio Alma Trieste-Kontatto Bologna 85-75 (Serie: 1-0 Trieste) Gara 2: Mer 31/05/2017 20:00 Alma Trieste-Kontatto Bologna.

  • SEMIFINALI PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 1 – Domenica 28 maggio Virtus Segafredo Bologna-OraSì Ravenna 73-57 (Serie: 1-0 Virtus Bologna) Gara 2: Mar 30/05/2017 20:30 Virtus Segafredo Bologna-OraSì Ravenna.

  • Lega Nazionale Pallacanestro comunica che, in occasione della serie di Finale Playoff del campionato di Serie A2 Citroën, sarà utilizzata la tecnologia dell’Instant Replay. L’ufficializzazione arriva al termine di un percorso di analisi e valutazione svolto nei mesi scorsi e che ha portato al tavolo tutte le componenti coinvolte: la Federazione Italiana Pallacanestro, il CIA (Comitato Italiano Arbitri), Sky (official broadcaster) e Grafica&Multimedia (software). Ottenendone la massima, nonché necessaria, disponibilità a sviluppare il progetto già per la stagione in corso. La progettualità è divenuta operativa al termine dell’incontro svoltosi nella sede LNP in Bologna, alla presenza di Stefano Tedeschi (commissario CIA), Roberto Chiari (istruttore FIBA e componente l’Organo tecnico di Serie A2), Pietro Basciano (presidente LNP), Massimo Faraoni (segretario generale LNP) e Luca De Finis (Grafica&Multimedia). FIP e CIA hanno valutato positivamente l’iniziativa di LNP, dando la disponibilità all’introduzione ed utilizzo della tecnologia in deroga al Regolamento Gare esistente. La collaborazione ottenuta da Sky, sia sul piano della consulenza che quello della produzione tecnica, consentirà di poter utilizzare per l’IR le immagini provenienti da 4 telecamere. Il format uniforme di ripresa in tutte le gare che eleggeranno la squadra vincitrice del campionato di Serie A2 Citroën è requisito necessario per l’attivazione dell’Instant Replay.

  • QUARTI DI FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 4 – Domenica 21 maggio Visitroseto.it Roseto-Virtus Segafredo Bologna 83-97 (Virtus Bologna vince la serie 1-3).

  • QUARTI DI FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 2 – Mercoledì 17 maggio De’ Longhi Treviso-Kontatto Bologna 70-73 (Serie: 0-2 Fortitudo Bologna) Gara 3: Sab 20/05/2017 19:00 Kontatto Bologna-De’ Longhi Treviso Orsi Tortona-Alma Trieste 75-68 (Serie: 1-1) Gara 3: Sab 20/05/2017 20:30 Alma Trieste-Orsi Tortona.

  • OTTAVI DI FINALE PLAYOFF SERIE A2 CITROËN GARA 4 – Lunedì 8 maggio Kontatto Bologna-Moncada Agrigento 80-58 (Fortitudo Bologna vince la serie 3-1) Dinamica Generale Mantova-Orsi Tortona 78-70 (Serie: 2-2) Gara 5: Gio 11/05/2017 21:00 Orsi Tortona-Dinamica Generale Mantova Remer Treviglio-Alma Trieste 78-77 (Serie: 2-2) Gara 5: Gio 11/05/2017 20:30 Alma Trieste-Remer Treviglio.

La serie si ferma a nove: al Paladozza vince la Fortitudo

Dopo nove vittorie consecutive, la corsa della Tezenis si ferma al Paladozza, in casa della capolista Lavoropiù Fortitudo. 96-71 il punteggio finale in favore della Effe. “Torniamo a casa con una bella lezione – ha commentato coach Dalmonte al termine della gara – non è contemplata la parola perdere per quanto ci riguarda; torniamo a casa con la parola “imparare”. E’ stata una lezione tosta ma dalle lezioni toste si imparano più cose rispetto a lezioni disattente o che scivolano via come l’acqua”.
Verona ferma la propria striscia positiva iniziata lo scorso 10 novembre in casa contro Cagliari; ora, con lo stop di Bologna, i gialloblù sono comunque al quarto posto in classifica con Treviso e Montengranaro a quota 22 e Forlì che rimane dietro assieme ad Udine.

I padroni di casa partono con Fantinelli, Hasbrouck, Rosselli , Leunen e Pini, mentre Dalmonte risponde con Amato, Henderson, Severini, Dieng e Candussi.

E’ di Leunen dai 6.75 il primo centro di serata e alla Tezenis servono due tiri liberi di Candussi per sbloccarsi. La serpentina di Amato in mezzo al pitturato firma il primo vantaggio ospite (3-4),ma su ribaltamento di fronte risponde ancora Leunen dall’arco (tutti suoi i primi punti della F). Errori in serie da una parte e dall’altra: Bologna tira con basse percentuali dall’arco, ma Verona fatica a trovare la via del canestro e l’8-6 a 2.53 dal termine dei primi 10′ (in concomitanza con il primo time-out di serata di Dalmonte) non può che essere lo specchio di un inizio in cui gli attacchi segnano con il contagocce. Henderson impatta a quota 10, ma 7 punti consecutivi di Cinciarini lanciano la Fortitudo al 17-10 con cui si chiude il primo quarto.

Un paio di buone difese della Tezenis forzano la Fortitudo a buttare via il pallone in apertura di secondo periodo, ma è un attimo che Bologna riprenda fiducia e, guidata da un caldissimo Cinciarini (primo dei suoi ad andare in doppia cifra), scappi sul 24-12. Due triple gialloblù (rispettivamente di Candussi e Maspero) riportano Verona sotto la doppia cifra di svantaggio, ma Pini è una spina nel fianco per la difesa gialloblù e Bologna controlla a distanza di sicurezza. Leunen non sbaglia niente (3/3 da 3 fin li) e fa +12 (33-21), un 5-0 firmato da Ikangi e Ferguson costringe Martino al minuto di sospensione ma poco dopo Hasbrouck e un canestro di Cinciarini quasi sul dong mandano Bologna avanti di 11 lunghezze a metà (43-32).

Pini, imbeccato da Rosselli, schiaccia in contropiede i primi due punti del terzo quarto, ma Verona non si impaurisce: bomba di Henderson e 2/2 in lunetta di Candussi (20 per lui fin li e bellissima sfida sotto le plance con Pini) che significano meno otto. La Scaligera è pienamente dentro alla partita e lotta con orgoglio: tripla di Ferguson per il 54-47 che sembra poter far passare l’inerzia del match in mano gialloblù. E’, purtroppo, un’illusione, perché Bologna torna nuovamente a + 16, con Hasbrouck in  trance agonistica (4 triple in un amen). La forbice si allarga fino al + 19 (massimo vantaggio casalingo), prima che Amato e Severini trovino due conclusioni dalla lunga distanza con le quali il gap si ricuce fino al 69-57 con cui termina il terzo quarto.

Ultimi 10′: si iscrive a referto anche Venuto con quattro conclusioni dalla lunga distanza e Fortitudo che tocca  il +20 (81-61), mentre i gialloblù non trovano con continuità il fondo della retina (8/26 da 3 a 7:00 dal termine). Gli ultimi 4 minuti vedono i padroni di casa incrementare il proprio vantaggio con percentuali da capogiro da 3 punti (18/31), mentre Dalmonte concede qualche minuto sullo storico parquet di Piazza Azzarita anche ai giovani Oboe e Guglielmi.

Lavoropiù Fortitudo Bologna – Tezenis Verona 96-71 (17-10, 26-22, 26-25, 27-14)
Lavoropiù Fortitudo Bologna: Kenny Hasbrouck 20 (1/3, 6/10), Daniele Cinciarini 17 (3/6, 3/6), Maarty Leunen 15 (3/3, 3/4), Marco Venuto 12 (0/0, 4/4), Guido Rosselli 9 (3/4, 1/3), Giovanni Pini 9 (4/7, 0/0), Matteo Fantinelli 6 (2/4, 0/1), Andrea Benevelli 6 (0/3, 1/2), Ugochukwu Simon 2 (1/2, 0/0), Giacomo Sgorbati 0 (0/0, 0/1), Marco Prunotto 0 (0/1, 0/0), Stefano Mancinelli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 9 – Rimbalzi: 34 9 + 25 (Matteo Fantinelli 12) – Assist: 27 (Matteo Fantinelli 9)
Tezenis Verona: Francesco Candussi 20 (6/9, 1/3), Jazzmarr Ferguson 19 (5/6, 1/7), Terry Henderson 9 (2/2, 1/4), Andrea Amato 7 (2/3, 1/6), Iris Ikangi 7 (1/2, 1/2), Giacomo Maspero 5 (1/3, 1/3), Giovanni Severini 4 (0/2, 1/4), Omar Dieng 0 (0/0, 0/2), Andrea Quarisa 0 (0/0, 0/0), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0), Francesco Oboe 0 (0/0, 0/1), Mattia Udom 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 20 – Rimbalzi: 26 9 + 17 (Francesco Candussi 12) – Assist: 13 (Andrea Amato 6)

About The Author

Related posts